Soudant lancia il Campobasso: “Siamo un grande gruppo, possiamo solo migliorare”

cb-romagna68Reyza Soudant è giocatore in grado di mettere in difficoltà tutte le difese avversarie. Un’arma importante per il Campobasso. La ‘Freccia del Marocco’ contro l’Alfonsine ha messo in ghiaccio la contesa andando a realizzare la rete del 2-0, quella della sicurezza per la squadra rossoblù. Domenica c’è la capolista Vastese da affrontare all’Aragona e il calciatore di Novelli ha voglia di confermarsi, provando a regalare altre giocate di qualità e perché no un altro gol.

“Sono contento per la rete messa a segno domenica – spiega – ma il merito è della squadra che con una bella azione mi ha portato alla realizzazione. Nelle ultime gare, nonostante la nostra grande spinta e intensità, i risultati non arrivavano, domenica, per fortuna siamo riusciti a battere l’Alfonsine. Per il morale è stato fondamentale aver segnato e aver vinto la partita”.

Nella settimana che ha portato all’ultima sfida, Novelli aveva ‘punzecchiato’ gli attaccanti chiedendo maggiore concretezza sotto porta ed è stato ripagato da tre reti. “Penso che il mister ha grande stima di noi – sottolinea Soudant – le sue ‘critiche’ sono a fin di bene, vuole motivarci a fare sempre meglio. E’ una cosa normale. Siamo giocatori e sappiamo che nell’arco di una stagione possono esserci momenti buoni e momenti meno buoni. E’ giusto che l’allenatore ci dica sempre le cose come stanno”.

Il gol è stato per il calciatore rossoblù una sorta di liberazione. “Ci tenevo a sbloccarmi per levarmi di dosso una sorta di pressione personale. Voglio dimostrare che posso fare la differenza – afferma senza giri di parole – questo gol mi ripaga del grande e duro lavoro che faccio insieme ai miei compagni di squadra”. Sull’avvio di stagione del Lupo e suo personale, l’attaccante non si sbilancia. “Non me la sento di dare un voto al Campobasso e a me – sottolinea – la cosa importante è lavorare perché così si possono raccogliere i frutti. La squadra sta bene, stiamo facendo quello che dice il mister e sono sicuro che riusciremo a fare dei buoni risultati”.

Quello da poco cominciato è un torneo equilibrato e i Lupi possono provare a togliersi delle belle soddisfazioni. Soudant, però, preferisce non fissare obiettivi precisi. “E’ ancora presto per dire dove potrà arrivare il Campobasso. Abbiamo un grande gruppo, cerchiamo di migliorare di partita in partita. Questo è ciò che conta adesso. Bisogna andare avanti, concentrarsi su una partita alla volta e poi alla fine tireremo le somme”. Intanto domenica c’è la sfida alla capolista Vastese, Soudant prenota il bis. “Ma no – taglia corto – non prenoto nulla. Si gioca sempre undici contro undici, capolista o meno, rimane una partita di calcio”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: