Presentati gli Alloggi protetti Silver Age, un progetto sociale e di cohousing

Sono stati presentati quest’oggi, nel corso di una conferenza stampa, gli Alloggi protetti Silver Age in via Marche, un progetto sociale e di cohousing del Comune di Campobasso in collaborazione con Optima.

Erano presenti alla conferenza stampa oltre all’ing. Nicola Cesare, Presidente Optima s.r.l., e al dott. Cosimo Dentizzi, Direttore sanitario della struttura, anche il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina, Luca Praitano, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Campobasso e il dott. Vincenzo De Marco, Dirigente Comunale Politiche sociali.

«Gli alloggi della struttura Silver Age nascono con l’intenzione, già sviluppata in altre realtà sociali, – ha dichiarato il sindaco Gravina – di offrire una possibilità di vita autonoma in un appartamento sicuro, protetto e controllato, dove preservando comunque una propria indipendenza, la presenza di spazi comuni permette di favorire la socializzazione e la relazione con gli altri, producendo quel genere di dinamiche necessarie per vivere bene e con serenità ogni periodo della nostra vita».

Gli Alloggi Protetti sono destinati prevalentemente, come hanno spiegato l’ingegner Cesare e il Direttore sanitario della Struttura, dott. Cosimo Dentizzi, a persone di età superiore ai 65 anni, singoli o in coppia, che conservano un sufficiente grado di autonomia e che tuttavia hanno necessità di una soluzione alloggiativa che consente maggiore sicurezza, protezione e migliore qualità di vita. La struttura di via Marche, è composta da 20 appartamenti di cui 5 ad uso singolo e 15 ad uso doppio, per un totale di 35 posti letto. Gli appartamenti con ampiezza variabile dai 40 ai 70 mq, sono composti da ingresso/cucina/soggiorno, camera da letto e bagno autonomo, completi di tutti gli arredamenti e dotati dei più moderni ausili e di un sistema di chiamata rapida di emergenza h24. Completano la struttura gli spazi comuni dedicati alla vita di comunità e alla socializzazione. «L’obiettivo forse più importante che questo progetto si pone – ha spiegato l’assessore alle Politiche Sociali, Luca Praitano – è quello di favorire il più possibile l’autonomia degli Ospiti, stimolando le capacità personali attraverso un’adeguata motivazione a restare in rapporto con se stessi e con l’ambiente circostante».

Ogni alloggio è dotato di un sistema di chiamata di emergenza attivo h24, connesso ad una centrale di pronto intervento, che in tempo utile attiva tutte le procedure di pronto soccorso al fine di garantire piena tutela della salute dell’Ospite. Gli Alloggi e gli spazi comuni sono dotati di connessione internet wi-fi per collegarsi ai supporti informatici e poter contattare ed interagire via web con familiari o amici. Gli spazi comuni dedicati alla socializzazione concretizzano l’idea innovativa di Silver Age Alloggi protetti. La sala Tv, la sala ricreativa, la palestra, la sala ristoro ed altri spazi di servizio, sono stati progettati per rendere particolarmente piacevole e vario lo scorrere delle giornate e l’incontro con i familiari, gli amici e nonché con gli Ospiti stessi. Esternamente l’area verde con gazebo è destinata ai momenti di attività e di relax all’aria aperta.

Il cohousing rappresenta una valida soluzione contro la solitudine e la disgregazione della vita comunitaria, rafforzando la coesione e le nuove conoscenze, per una vita più ricca di stimoli e opportunità. Per poter ottenere l’ammissione agli Alloggi protetti è necessario presentare una domanda scritta scaricabile dal sito www.alloggisilverage.it da inviare esclusivamente via email al seguente indirizzo di posta elettronica: [email protected] Per maggiori informazioni: Contact Center 0875 752677 – www.alloggisilverage.it.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: