Corecom pigliatutto, lo sfogo di Vincenzo Cimino

Gentili colleghi, ci hanno insegnato che la vice presidenza per rispetto e per garanzia, vada alla minoranza. Atto che avviene in tutti gli enti, nelle assemblee legislative, forse anche nei condomini… dalla Costituzione in poi. Al Corecom del Molise, invece, il presidente Latessa, eletto dal centro sinistra di Palazzo Moffa, vota per il vice presidente Mileti, il quale, anch’egli di espressione fratturiana, vota per se stesso. Grandi, fantastici, eccezionali. Siccome i componenti sono 3, ho inteso non prendere parte al voto, tirandomi fuori da questo teatrino squallido e ridicolo, per rispetto di me stesso e della nostra categoria.

Complimenti: questo è il centro sinistra che cambia, il Molise di tutti; questi sono i cosiddetti democratici e io sarei “quello” di destra. Va beh…Lasciando perdere la politica e le linee guida dei partiti, volevo solo sottolineare ai colleghi come nella finanziaria 2015 approvata dal Consiglio regionale, sia stato votato un taglio delle indennità del Corecom del 10% e la riduzione del numero: da 5, appunto a 3 membri. Purtroppo non riesco a trovare il taglio delle indennità dei consiglieri regionali, benché sbandierato in campagna elettorale. Va beh…Venendo ai poteri del vice presidente del Corecom, ho poco da insegnarvi… sostanzialmente, al di là dell’immagine, della rappresentanza e del ruolo, è una questione economica: guadagna qualcosa in meno del presidente e qualcosa in più del semplice consigliere. Auguri quindi al vice presidente Jo Mileti, ora il Corecom è formalmente nel pieno della funzionalità. Tuttavia sono certo che una simile scelta abbia offeso le normali norme del savoir faire e tutta la categoria dei giornalisti, ma sono anche sicuro che tutti voi saprete come e cosa scrivere, come e cosa raccontare, come e cosa commentare. Per quel che concerne le attività dell’organismo, stiamo per approvare la tabella di ripartizione 448/1998, ora provvisoria, e da Roma credo aspettino solo il Molise per pagare tutte le emittenti d’Italia. Ho sollecitato la definizione di una convenzione con l’Università del Molise per il monitoraggio delle tv (con la facoltà di scienze della Comunicazione) e la predisposizione del regolamento sulla legge per l’editoria. Da uno sguardo al testo, siamo in forte ritardo, ma anche se i termini non sono perentori, più passa il tempo e più l’editoria locale soffre.

Per questi motivi riterrei opportuno serrare i tempi, riunirci e confrontarci con voi su questo regolamento e chiedere maggiore velocità al Corecom. Ovviamente, i miei giudizi sulla legge non sono cambiati come non è cambiata la mia idea circa dei punti oscuri sulla norma che vanno sanati. In ultimo, ma non da ultimo, i fondi sulla carta, la legge 2009 abrogata… devono essere ancora erogati e i giornali vivono situazioni che ben conoscete. Ad eccezione del free press, ignobilmente fuori da tutto, ho chiesto maggiore attenzione e mi sforzo di spingere sul gas perché siamo in forte ritardo e la prossima seduta è prevista per il 6 ottobre. Vorrei leggere una bella nota da parte della categoria su quanto sia accaduto e mi piacerebbe che chiedeste, ognuno nei modi che ritenete più utile, maggiore velocità e condivisione,   nella definizione dei procedimenti urgenti. Tanto per informarvi.

Vincenzo Cimino – Consigliere nazionale Odg e consigliere Corecom

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: