Centrali a biomasse, la Provincia di Campobasso delibera la propria contrarietà alla costruzione

z.i. campokiaro guardiaregia (6)Si è tenuto questa mattina un Consiglio Provinciale straordinario e monotematico per discutere della paventata costruzione di un primo lotto di una centrale a biomasse della potenza di 5 MWE su 11,60 totali in agro di San Polo Matese e un’altra da 0,999 MWE nell’area industriale di Campochiaro contrastata fortemente, tra l’altro, proprio con una grande manifestazione ieri a Bojano dove sono confluiti tantissimi cittadini e amministratori di diversi paesi matesini interessati.

Il consiglio, preso atto di tutta una serie di adempimenti disattesi e di considerazioni ambientali, “… non ultima quella della presenza sul territorio della Riserva Regionale Oasi Wwf Guardiaregia-Campochiaro; dei progetti ambientali in via di realizzazione con il Pit Matese; rilevato che l’area del Matese e considerata tra quelle a maggiore vocazione turistico-ambientale e culturale, in ragione del patrimonio paesaggistico, naturalistico, idrico, archeologico, paleontologico delle montagne e dei borghi che la arricchiscono […] l’adesione della Regione Molise al Progetto APE ‘Appennino Parco d’Europa’, la cui convenzione è stata firmata a L’Aquila; la proposta di istituzione del Parco del Matese già deliberata da diversi Comuni dell’area…” ha deliberato “… di esprimere la più assoluta contrarietà all’installazione di detti impianti di produzione di energia elettrica da biomasse sul territorio matesino e in particolare nei comuni di Campochiaro e San Polo Matese, sia in quanto determinano un impatto ambientale incompatibile con la vocazione turistico naturalistica dell’area del Matese, sia per i risvolti negativi per la salute dei cittadini che per l’inquinamento atmosferico; […] di condividere e sostenere tutte le iniziative, sia stragiudiziali che realizzate nella forma di eventuale azione giurisdizionale, intraprese dalla Provincia di Campobasso in persona del suo Presidente […] di dare mandato al Presidente della Provincia di Campobasso, in nome e per conto di ciascuno dei Comuni interessati, a richiedere al Prefetto la convocazione di una conferenza dei servizi sull’emergenza sanitaria connessa alle omesse verifiche di inquinanti quali il PM 2,5, tenuto conto, in particolare, dell’obbligatorietà di tali attività di indagine”.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: