Wwf: “Le centrali a biomasse sono incompatibili con la vocazione turistico-ambientale del Matese”

foto oasiguardiaregiacampochiaro.it
foto oasiguardiaregiacampochiaro.it

Anche l’altra importante Associazione ambientalista nazionale, il Wwf, alza la voce ed esprime il proprio dissenso sulla costruzione delle centrali a biomasse sul territorio alle falde del Matese.

In particolare la sezione regionale dell’Associazione del Panda plaude alla decisione del consiglio regionale di annullare il provvedimento che ne prevedeva l’atterraggio ed “auspica che la politica locale trovi la forza e la volontà per impegnarsi in tutte le istituzioni affinché quel territorio, nelle immediate vicinanze delle Riserve Regionali di Guardiaregia-Campochiaro e del Monte Patalecchia, venga preservato da qualsivoglia tipo di manomissione”. Inoltre, fanno sapere che “il Wwf è da anni impegnato nella gestione dell’Oasi di Guardiaregia-Campochiaro ed è convinto che l’unica soluzione per la tutela del territorio in questione sia la realizzazione del Parco Nazionale del Matese ed aderisce a tutte le iniziative portate avanti da Enti e associazioni finalizzate all’istituzione di una grande area protetta sul massiccio matesino”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: