Pubblicate dal Miur le risorse assegnate nel 2013 agli Istituti Tecnici Superiori ma il Molise non le ha impiegate

presidio flc cgilNei giorni scorsi il MIUR ha pubblicato i decreti direttoriali con i quali sono state assegnate le risorse alle Regioni relative ai percorsi degli Istituti tecnici Superiori per l’anno finanziario 2013, nonché quelle finalizzate alle azioni di sistema previste dall’art. 12 comma 5 del DPCM 25 gennaio 2008. Nel 2013 la cifra complessivamente disponibile è stata pari 13.377.552 di euro. Lo stanziamento di 14 milioni previsto dall’articolo 7, comma 37-ter della legge n. 135, del 7 agosto 2012, è stato ridotto nel 2013 di oltre 600mila euro.

Le risorse destinate a finanziare i percorsi di studio attivati dagli ITS sono state assegnate in base ai criteri generali definiti dall’Intesa in Conferenza unificata Stato – Regioni  del 23 settembre 2010. In particolare la nota dipartimentale 537/13 aveva previsto una cifra uguale per ciascun percorso ITS attivato, pari a 50mila euro e una cifra correlata alla percentuale della popolazione tra i 20 e i 34 anni. Quest’ultima cifra ha anche valore premiale e viene erogata in presenza del cofinanziamento della singola Regione (minimo il 30%), così come previsto dal DPCM 25/01/2008. Dall’analisi dei decreti del MIUR risultano attualmente non assegnati 443.476,16 euro riferiti  ad alcune regioni, tra le quali c’è il Molise. In base alla nota dipartimentale 537/13 le risorse destinate al Molise attualmente non assegnate, sono di 79.703,04 euro.

La FLC  CGIL Molise già dall’aprile del 2013, in occasione della pubblicazione del decreto interministeriale riguardante le specializzazioni tecniche superiori relative ai percorsi post secondari di istruzione e formazione tecnica superiore di durata annuale (IFTS),  aveva chiesto alla regione Molise di fare la sua parte su questo importante versante. Per il Molise, infatti,  era stato approvato un solo percorso formativo: l’Istruzione Tecnica Superiore per le nuove tecnologie per il Made in  Italy. I Soci Fondatori dell’ITS sono : IIS “Sandro Pertini” – Campobasso  (Ente di riferimento); Camera di commercio agricoltura artigianato e industria (CB); Centro Servizi Formazione e Occupazione (CB); Genus Consulting Group s.n.c. (CB);Provincia di Campobasso (CB); Unione dei comuni del Tappino (CB);Università degli Studi del Molise (CB).  Molti interrogativi erano stati sollevati su alcuni  partner. La regione Molise  avrebbe dovuto farsi promotrice, nei confronti degli altri soci fondatori dell’ITS, per delineare il percorso formativo approvato, nell’ambito della programmazione dell’offerta formativa riguardante le competenze esclusive ad essa attribuite dal Titolo V della Costituzione.

Oggi il MIUR ha certificato che le risorse assegnate al Molise (79.703,04 euro) per l’ITS, non sono state utilizzate. Si conferma, anche in questa occasione, quello che la FLC CGIL Molise sta dicendo da tempo: manca una cabina di regia che abbia idee chiare sui percorsi di istruzione superiore, sull’obbligo formativo, sugli IFTS e sulla formazione professionale. Aspettiamo una legge regionale sull’istruzione che intervenga in maniera organica in un ambito ritenuto da tutti strategico, qual è quello dell’istruzione e della formazione, ma per il quale, per ora, si fanno solo annunci e proclami.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: