Piano operativo, Micaela Fanelli: “Siamo sulla strada giusta per la costruzione di un Molise più solido”

L’approvazione del Programma operativo sanitario straordinario 2015-2018 è certamente un fatto positivo e un passo in avanti” Così Micaela Fanelli, segretario regionale del PD Molise, commenta il via libera che il tavolo tecnico romano ha concesso al piano di risanamento della sanità molisana.

Per Fanelli il grande merito del governo Frattura è stato quello di “Innovare e lavorare a testa bassa verso obiettivi concreti e dimostrando cosi, a tre anni dall’insediamento di lavorare con forza per il bene del Molise. Sono stati chiesti ai molisani tanti sacrifici – osserva ancora Fanelli – e molti, in politica e nei media, hanno scelto la facile strumentalizzazione.

Ma ora, l’approvazione del piano sanitario regionale, con i primi segnali di vera ripresa certificati anche dal rapporto di Bankitalia, si intravedono i risultati di un lavoro duro svolto dal presidente Frattura e dalla sua squadra, che non guarda al facile consenso del momento, ma che proietta la sua azione nel medio e lungo periodo. In questo percorso, ancora lungo e ancora difficile, – dice sempre Fanelli – ho sempre cercato personalmente di difendere le scelte di un governo regionale che ha operato in maniera innovativa e responsabile. Insieme a tanti all’interno PD ci siamo presi l’onere e l’onore di difendere scelte che molti, nella stampa, in parte della società civile, nel partito stesso, hanno deciso di strumentalizzare con toni e obiettivi che nulla hanno a che vedere con il bene comune. Ma i risultati di quelle scelte si iniziano a vedere e si vedranno ancora di più nei prossimi mesi. I miglioramenti sono certo possibili e auspicabili, ma l’aver messo i conti a posto, con il conseguente sblocco del turnover, la regolarizzazione di molti precari, la ridefinizione dei servizi e il loro efficientamento previsti nel piano sono risultati impensabili solo fino a pochi mesi fa.

Oggi, consapevoli che il lavoro è ancora complesso, sappiamo però – conclude Fanelli – che la direzione è giusta e che, dopo gli sprechi del passato, si sta costruendo un Molise più solido”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: