L’Italia dei Valori perde pezzi in Molise, Pisanello: “Si dissente sulla linea nazionale del partito ma è la stessa appoggiata a livello regionale”

colagiovanni_salvatorecristiano di pietroDopo le dimissioni da Segretario Regionale e la conseguente fuoriuscita dall’Italia dei Valori di Cristiano Di Pietro, si registrano oggi anche quelle di altri due esponenti politici regionali: i consiglieri provinciali Simona Contucci (tesoriere) e Salvatore Colagiovanni.

“Nel confermare quanto detto da Cristiano Di Pietro in merito al blocco delle comunicazioni da parte dell’Idv nazionale ai referenti locali (circostanza che, di fatto, ne ha decretato l’esclusione) – ha dichiarato la Contucci – con la stessa amarezza e a causa di insanabili divergenze venutesi a creare con la dirigenza nazionale, l’allontanamento dall’Italia dei Valori resta, oramai, l’unica soluzione possibile. Nel riconoscere che non ci siano più le condizioni necessarie per continuare la nostra azione politica all’interno di un partito che, per le scelte adottate, non riconosciamo più – hanno concluso Contucci e Colagiovanni – comunichiamo ufficialmente la nostra decisione di uscire dall’Italia dei Valori”.

[divider]

Registriamo sull’argomento, la risposta del responsabile nazionale dell’organizzazione Idv, Luciano Pisanello:

“Prendiamo atto della fuoriuscita dal partito del figlio di Di Pietro perché non concorde con la linea politica dettata dal Segretario Nazionale. La cosa non sorprende visto che queste fatidiche dimissioni sono state più volte annunciate e date pubblicamente a Sansepolcro sperando forse di avere un clamore che in realtà non ha avuto e sperando di suscitare, nell’annunciarle in una sala gremita di più di ottocento attivisti, più di dodici applausi, che sono in realtà quelli che ha ottenuto. Le sue nuove dimissioni sono un atto burocratico che nei fatti si sono già palesate da un anno visto che alcuna iniziativa è stata fatta volta alla costruzione del partito. La linea politica di dialogo e di confronto con il Pd con la quale egli dissente è proprio quella che egli sostiene in regione convintamente prodigandosi ad appoggiare sia il Pd che Renzi. Non corrisponde a verità ciò che egli asserisce dicendo che è escluso dalle comunicazioni in quanto egli stesso, con prove alla mano, ha chiesto la cancellazione dei suoi dati. Bisognerebbe che egli si chiarisse con se stesso. Nei prossimi giorni faremo una grande iniziativa in Molise, noi siamo contro i partiti personali e padronali”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: