Il ponte Liscione resta chiuso ancora una settimana. In Prefettura il Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli

Alle 10 di stamattina si è riunito ancora in Prefettura il Centro Coordinamento Soccorsi, presieduto dal Prefetto Maria Guia Federico, con la partecipazione del Presidente della Regione Toma, dei vertici delle Forze di Polizia territoriali, dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile regionale, degli Enti proprietari delle strade e di Molise Acque, Ente che gestisce la Diga di “Ponte Liscione”.

Nel corso dell’incontro sono stati condivisi gli esiti, ad oggi, delle verifiche effettuate sugli edifici e sulle principali arterie di comunicazione viaria. Il Presidente della Regione ha comunicato che i siti di accoglienza temporanea approntati, i presìdi di prossimità istituiti sul territorio ed i volontari coordinati dalle istituzioni impegnate hanno sinora ben gestito e limitato l’inevitabile disagio dei cittadini che hanno scelto di non tornare nelle proprie case sino ai risultati conclusivi dei sopralluoghi.

Sono state inoltre analizzate circoscritte criticità presenti in alcuni dei Comuni interessati. In particolare, è stato concordato un sopralluogo congiunto tra Provincia e Anas per una soluzione condivisa che consenta di individuare un percorso idoneo per gli spostamenti da e verso il Comune di Guardialfiera a seguito della interdizione al transito del viadotto di “Ponte Liscione”.

Inoltre è stata approfondita la nota problematica connessa alla inagibilità di un palazzo sito nel Comune di Guglionesi che ha determinato la necessità di adottare ordinanze sindacali di sgombero di altre abitazioni situate in prossimità del manufatto. A tal riguardo le istituzioni competenti si attiveranno per garantire tempi certi per la demolizione dell’immobile ammalorato. Sono stati, nel contempo, potenziati i servizi di viabilità, controllo e vigilanza, da parte delle forze di Polizia, sul percorso alternativo ove attualmente risulta deviato il traffico veicolare. Anche la Provincia ha assicurato che continuerà ad effettuare interventi di controllo sulla segnaletica e sui manti stradali. L’ANAS – che è tuttora impegnata nelle verifiche su tutte le strade di pertinenza – sta proseguendo l’attività di indagine sul viadotto di Ponte Liscione con piattaforma “by bridge”. L’imponenza dell’opera strategica attenzionata (9,500 km, 9 opere d’arte, 296 impalcati) richiede, oltre alle strumentazioni, un impegno ininterrotto da parte delle squadre di tecnici che si stanno alternando per ottimizzare i tempi degli accertamenti.

Pertanto, per la definitiva conclusione delle indagini in corso, gli addetti ai lavori hanno ipotizzato all’incirca una settimana. L’invaso del “Liscione” viene costantemente monitorato da parte dell’Azienda “Molise Acque”, per mantenere in sicurezza i livelli idrici, soddisfacendo, nel contempo, i bisogni di approvvigionamento delle collettività. Proseguono anche le verifiche da parte dei Vigili del Fuoco che, con l’utilizzo di nove squadre e otto funzionari tecnici provenienti da altre Regioni ed inviati, in supporto, dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile del Ministero dell’Interno, hanno già effettuato circa 350 accertamenti.

Per quel che concerne la gestione dell’accoglienza della popolazione presso le aree di raccolta individuate dai Sindaci interessati, il Servizio regionale di Protezione Civile ha precisato che complessivamente sono state assegnate circa 51 tende da 8/10 posti, nonché una cucina da campo, un gruppo elettrogeno e servizi igienici mobili. I rappresentanti di tutte le istituzioni che hanno partecipato al tavolo sono in costante contatto con gli amministratori locali e gli operatori presenti sul territorio. Alla riunione del C.C.S., già programmata per domani 21 agosto, alle ore 9.30, parteciperà anche il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Dr. Angelo Borrelli.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: