Il Campobasso saluta il Selvapiana con un pari nell’ultima casalinga, poi alza la coppa della promozione in C (TUTTE LE FOTO)

CAMPOBASSO-FIUGGI 1-1

Reti: 8’ Fall, 15’ Tenkorang.

Campobasso (4-3-3): Raccichini 8 (57’ Oliva 6); Martino 6 (82’ Martinucci sv) , Sbardella 6, Menna 6, Vanzan 6; Bontà 6 (50’ Zammarchi 6),  Brenci 6, Tenkorang 7 (57’ Candellori 6); De Biase 6, Rossetti 6, Esposito 6,5. (50’ Di Domenicantonio 6). A disp: Fabriani, Dalmazzi, Capuozzo, Fruscella All. Cudini.

Fiuggi (4-3-3): Novi 7; Marianelli 6,5, Rizzitelli 6, Del Duca 7 (57’ Turzo 6), Forgione 6,5 (69’ Foglia 6); Gaetani 7 (51’ Basilico 6), Lo Duca 6,5, Tajani 6; Fall 7,5 (57’ Melara 6), M.Esposito 6 (57’ Tornatore 6), Frabbotta 6. A disp: Azteni, Tucci, Costa. All. Incocciati.

Arbitro: Sig. Edoardo Manedo Mazzoni di Prato. Assistenti: Boato di Padova e Bruno di Sondrio.

Note: Angoli: 9-4. Recupero: 1’+ 5’. Ammonito Marianelli. Giornata estiva. Campo in ottime condizioni.

Il Campobasso torna a giocare davanti al proprio pubblico dopo le indimenticabili emozioni di Rieti quando si è raggiunta matematicamente l’agognata serie C. Per fortuna la gara con il Fiuggi diventa soltanto una giusta passerella per la squadra allenata da Mirko Cudini. L’unico piccolo rammarico è che si giochi di mercoledì, giorno feriale dedicato per molti al lavoro, sicuramente un ostacolo alla presenza allo stadio o quanto meno nei pressi (visto che resta ferma la limitazione a 1000 spettatori). Il mister rossoblù per questa ultima partita in casa concede spazio a chi ha giocato di meno come Sbardella Brenci, Tenkorang e il giovanissimo De Biase.

L’ingresso delle squadre è da brividi con i giocatori del Fiuggi che fanno il “pasillo” a quelli del Campobasso. Davvero una bellissima scena. Al 7’ prima emozione dell’incontro con Menna che di testa, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, impegna severamente Novi che riesce a bloccare sulla linea. Giro di orologio e Fiuggi in avanti con Fall che sbuca sulla sinistra rubando il tempo a Martino e poi Sbardella e bucando con un bel diagonale Raccichini. Al 15’ arriva il pareggio del Lupo con Tenkorang dopo una stupenda apertura di Esposito e un altrettanto bel cross in mezzo di De Biase. Gol giunto quasi come un lampo improvviso visto che i ritmi (complice il gran caldo e i festeggiamenti di appena tre giorni fa) del Lupo non erano sicuramente elevatissimi. Al 17’ è ancora il Fiuggi ad andare vicinissimo al gol sempre con Fall che sul primo palo, di testa, anticipa tutti ma il pallone scheggia la traversa. I ragazzi di Cudini sono evidentemente rilassati (ed è anche giusto sia così) e il Fiuggi quindi riesce ad avere ampie prateria. Al 22’ è Gaetani ad avere una buona opportunità ma trova la risposta con i piedi di Raccichini. Gli ospiti continuano a collezionare palle gol con Del Duca (ex di turno insieme a Frabotta e Forgione) che per due volte impegna Raccichini che sfodera due grandi parate su due punizioni fotocopia. Sulla seconda è aiutato anche dalla traversa. Al 37’ il portiere rossoblù è addirittura miracoloso sempre su Gaetani arpionando un pallone che si stava infilando in rete dopo un doppio tiro di Fall ribattuto prima da Sbardella e poi da Martino. Al 45’ grande azione personale di Rossetti che supera in slalom tre difensori e si presenta davanti a Novi ma il suo piatto destro è fermato dal piedone del portiere del Fiuggi. E l’ultima emozione di un primo tempo gradevole.

La ripresa invece si apre e si protrae per buoni 20 minuti con una girandola di sostituzioni con i due tecnici che fanno entrare a turno quanti più giocatori possibili. Il caldo sembra farla da padrone. Al 72’ è De Biase ad avere una ghiotta chance per ricordarsi questo pomeriggio ma angola troppo con il piatto da ottima posizione. Per il resto le due squadre sembrano non voler altro che portare a termine questo incontro e così i minuti scivolano via senza particolari sussulti fino alla fine.

Il Campobasso chiude la sua stagione in casa in serie D con un pareggio senza storia. Ed è il pari più dolce che i suoi tifosi avrebbero mai potuto immaginare. Il clou della giornata è però senza dubbio la premiazione a fine partita a centrocampo con i rappresentanti della LND che consegnano al capitano Bontà il trofeo dei vincitori del girone F della serie D. La prossima volta che il Lupo tornerà a giocare a Selvapiana sarà tra i professionisti. E’ serie C!

giciemme

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: