Giro di vite dei Carabinieri: nel mirino stupefacenti e violazioni al codice della strada

Nell’arco del fine settimana, i Carabinieri della Compagnia di Termoli hanno effettuato diversi controlli sul territorio di competenza – nello specifico nei Comuni di Termoli (CB), Campomarino (CB), Montenero di Bisaccia (CB) e Palata (CB) – con la finalità di prevenire e reprimere i reati contro il patrimonio e quelli in materia di sostanze stupefacenti, nonché le violazioni al Codice della Strada.

In particolare in Montenero di Bisaccia, agli esiti di una perquisizione personale e domiciliare, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Termoli hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Larino (CB) un 23enne censurato di origine albanese, ai sensi dell’articolo 73 del D.P.R. 309/1990, poiché resosi responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. All’interno dell’abitazione dello stesso, infatti, gli operanti rinvenivano 1,00 grammo di “Cocaina”, un bilancino elettronico di precisione funzionante, materiale vario per confezionare sostanze stupefacenti ed euro 440,00 in banconote di vari tagli, verosimile provento di pregressa attività di spaccio. Sempre nell’ambito del medesimo contesto operativo, inoltre, i militari del predetto Comando segnalavano amministrativamente alla Prefettura di Campobasso, ai sensi dell’articolo 75 del D.P.R. 309/1990, un 23enne di origine termolese poiché resosi responsabile di detenzione per uso personale di sostanza stupefacente, in quanto trovato in possesso di 0,50 grammi di marijuana.

A Campomarino, inoltre, i Carabinieri del N.O.R. Sezione Radiomobile della Compagnia di Termoli hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Larino (CB) un 26enne censurato originario di San Severo (FG) ed un 29enne censurato termolese, ai sensi dell’articolo 73 del Testo Unico in materia di sostanze stupefacenti e psicotrope e dell’articolo 482 del Codice Penale, poiché ritenuti rispettivamente responsabili dei reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e falsità materiale commessa dal privato. Nello specifico, i due venivano controllati a bordo di un’autovettura condotta dal termolese in qualità di proprietario e, visto l’atteggiamento chiaramente sospetto in relazione alle circostanze di luogo e tempo, gli operanti decidevano di dare corso ad immediate perquisizioni veicolare e personali d’iniziativa. Nell’occasione, il 29enne veniva trovato in possesso di una patente di guida falsa poiché riportante la sua fotografia ma generalità diverse da quelle effettive, mentre addosso al 26enne venivano rinvenuti due involucri in cellophane contenenti cocaina per complessivi 1,06 grammi ed un frammento di hashish del peso di 0,63 grammi.

Nel corso delle successive perquisizioni domiciliari veniva inoltre trovato, nell’abitazione di quest’ultimo, un bilancino elettronico di precisione funzionante. A carico del conducente nonché proprietario del veicolo, si procedeva anche al sequestro amministrativo del mezzo ed alla verbalizzazione ai sensi degli articoli 116 e 193 del Codice della Strada, per guida senza patente alla prima violazione e circolazione alla guida di veicolo sprovvisto di copertura assicurativa obbligatoria. Quanto rinvenuto nel corso delle suddette operazioni di polizia giudiziaria veniva quindi sottoposto a sequestro penale, in attesa di procedere alle necessarie analisi di laboratorio ed al successivo deposito presso il competente Ufficio Corpi di Reato. Complessivamente, nel corso delle citate attività svolte sul territorio, sono stati altresì sottoposti a controllo 136 veicoli, identificate 223 persone, effettuate 9 perquisizioni d’iniziativa tra veicolari, personali e domiciliari, elevati 13 verbali a seguito di infrazioni al Codice della Strada per complessivi 7.165 euro e sequestrati 2 autoveicoli.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: