“Cozze fuorilegge”, il Roan di Termoli ferma tre aziende della costa per aver indebitamente percepito fondi Ue

Gli uomini della Stazione Navale di Termoli della Guardia di Finanza, coordinati dal Col. Roberto Di Vito, a seguito di un vasto piano d’intervento predisposto dal Reparto Operativo Aeronavale del Molise in materia di spesa pubblica, ha effettuato una capillare attività di controllo nei confronti di determinate imprese dedite nel settore della mitilicoltura, mirata a determinare la corretta procedura di erogazione ed il reale utilizzo dei fondi comunitari messi a disposizione dall’Unione Europea per i diversi paesi membri per la crescita delle rispettive economie e parte di essi affidato dallo Stato italiano alla Regione Molise per il Programma Operativo Fondo Europeo per la pesca 2007/2013.

I controlli su diverse imprese molisane hanno fatto emergere molteplici irregolarità nei confronti di tre di queste. Sette sono risultati i soggetti segnalati alla Procura della Repubblica, responsabili a vario titolo di una indebita percezione di quasi 300mila euro dei circa 400mila euro di fondi finanziati. Le attività di indagine sono tuttora in corso per garantire la corretta gestione dei fondi e il tempestivo recupero delle somme indebitamente erogate, presupposti indispensabili per l’attuazione delle politiche europee volte alla sostenibilità economica, ambientale e sociale del settore pesca e acquacoltura.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: