Bullismo e cyberbullismo, Carabinieri in cattedra all’Ipseoa

Nell’ambito del progetto annuale di promozione della cultura della legalità da parte dell’Arma dei Carabinieri, sono ripresi gli incontri tra i rappresentanti della Benemerita e gli studenti dei vari istituti scolastici dislocati sul territorio.

A Termoli, il Comandante della locale Compagnia Carabinieri Maggiore Alessandro Vergine ha incontrato in 3 sessioni, nel pieno rispetto della vigente normativa in materia di “Covid-19”, complessivamente 150 studenti delle classi quinte della scuola secondaria IPSEOA “Federico di Svevia”  di via Foce dell’Angelo. Nella circostanza sono stati trattati diversi argomenti, tra cui temi riguardanti le problematiche giovanili ed in particolare il bullismo e cyber-bullismo, i rischi connessi all’uso ed all’abuso di alcool e di sostanze stupefacenti, l’utilizzo di Internet e dei social-network, i risvolti penali e civili legati a determinate condotte illecite.

Al termine della trattazione, che ha visto l’uditorio sempre molto interessato e partecipativo, è stato inoltre previsto un adeguato “question time” durante il quale gli studenti hanno potuto interagire ponendo diverse domande al fine di approfondire determinati aspetti di loro interesse e fugare i propri dubbi circa le tematiche enucleate. L’attività di formazione della cultura della legalità proseguirà anche nel prossimo futuro, non solo allo scopo di far approfondire la conoscenza di delicati ed importanti argomenti ai giovani, ma anche al fine di favorire un sempre maggiore rapporto di fiducia e fattiva collaborazione tra questi e l’Arma dei Carabinieri; cosa certamente indispensabile per la crescita dei ragazzi nella piena consapevolezza di sè e della realtà socio-ambientale in cui vivono.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: