Furto in Guardia medica durante le visite, i medici denunciano l’inadeguatezza del presidio di via Toscana

Accade nella giornata dell’Immacolata Concezione, l’8 dicembre, nella guardia medica di via Toscana. Una giornata di intenso lavoro in cui alcune persone, un gruppo di sette, si presentano per una vista medica d’urgenza, durante la quale alcuni complici vengono fatti entrare all’insaputa del medico presente, mentre l’altro era fuori per una visita domiciliare, infiltrandosi nelle stanze interne e ripulendo portafogli e borsa.

Nessuna effrazione né forzatura ovviamente della porta d’accesso, aperta dai complici durante l’intervento ambulatoriale di emergenza, ma che in ogni caso è facile da aprire. Fatto sta che gli ignoti incivili hanno comodamente portato via dal locale adibito a spogliatoio portafogli e 200 euro contanti. Dopo essere andati via, il medico si è accorto che la borsa non si trovava nella posizione in cui era stata lasciata e, di conseguenza del furto subito. I Carabinieri del comando provinciale sono al lavoro per risalire agli artefici del gesto ignobile a scapito della collettività, contro i quali è stata sporta denuncia per furto. Un episodio spiacevole, soprattutto perché i servizi della Guardia medica di via Toscana si svolgono in locali non idonei e fatiscenti che non consentono le minime norme di sicurezza personale.

Anche la magistratura, attraverso una sentenza a favore degli operatori medici che lavorano in condizioni di disagio, ha certificato l’insalubrità e l’inadeguatezza dei locali che ospitano il servizio. I cittadini di Campobasso hanno diritto a prestazioni sanitarie dignitose ed efficaci che, in una sede malsana e poco funzionale, appaiono improbabili (nonostante l’encomiabile lavoro dei medici). Sarebbe ora di porre rimedio ai tanti disagi in cui versa la struttura e consentire ai medici di poter svolgere il loro lavoro in tranquillità e sicurezza.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: