Giuseppe Tresca trionfa all’Open “Città di Campobasso”. Tra le donne la regina è Karthiga Thavarajasingam (GALLERY)

Giuseppe Tresca e Karthiga Thavarajasingam iscrivono il proprio nome nell’albo d’oro dell’Open “Città di Campobasso” giunto quest’anno alla quarta edizione.

L’atleta per metà dello Sri Lanka e per l’altra italiana, tesserata per il Tennis Club Palermo 2 ha avuto la meglio sulla pur volenterosa ventenne Emanuela Alba, dell’Asd Giannoccaro (BA), che nel secondo set ha accusato dolori ad un braccio che le hanno limitato la performance. Ciò non toglie che il merito della vittoria finale va tutto alla Thava che ha giocato un match ordinato e dalla prestazione costante, pur registrando un piccolo passo falso nel secondo set quando, in vantaggio 60 al primo, 5-1 (40-15) e servizio a favore, ha subìto il break allungando la seconda frazione fino al 62 finale. In campo maschile strapotere assoluto del pugliese Giuseppe Tresca, 2.2 da Barletta, che col secco finale di 60 62 ha avuto la meglio sul pur bravo pari classifica Gabriele Noce, mai entrato in partita.

Termina così un’altra edizione di questo torneo sapientemente orchestrato dallo staff dell’Associazione Tennis Campobasso di Villa de Capoa, con in testa il patron Giuseppe Morrone e l’art director Gianluca De Lucrezia capace, quest’ultimo, di “convincere” sempre più racchette di livello internazionale a partecipare alla kermesse, a pieno titolo, più importante della stagione tennistica regionale. Un grosso plauso va anche ai giudici di gara Alfonso Cibelli e Stefano Lombardi, sempre presenti e attenti a far sentire a proprio agio gli atleti.

«Ho trovato un ambiente eccezionale davvero – ha detto il vincitore Giuseppe Tresca cui ha fatto eco anche la Thavarajasingam – Vi assicuro che girando tanto tra i circoli di tutta Italia e anche all’astero è difficile trovare un’organizzazione e ospitalità come quella trovata qui, a Campobasso. Spero di esserci anche l’anno venturo, è stato davvero un bel torneo». Un bel biglietto da visita per un evento che deve, giocoforza, fungere da traino per tutto il movimento tennistico molisano, da troppo tempo a corto di appuntamenti di spessore.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: