Home » I fatti » Nella patria dei prodotti caseari d’eccellenza, all’ospedale Cardarelli si servono mozzarelle… tedesche!

Nella patria dei prodotti caseari d’eccellenza, all’ospedale Cardarelli si servono mozzarelle… tedesche!

mozza de1Uno sfortunato lettore di Seitorri.it ci ha segnalato una curiosità a dir poco sconcertante. Sfortunato perché costretto, qualche settimana fa, al ricovero presso l’ospedale Cardarelli del capoluogo per qualche problema di salute fortunatamente risoltosi positivamente.

Ebbene, al momento del pranzo di uno dei giorni di degenza presso il nosocomio cittadino, il paziente (molto paziente!) si è visto servire insieme alle altre pietanze del menù una bella mozzarella… tedesca! Si tratta della famosa mozzarella “Cammino d’Oro” (tocchiamo ferro!) prodotta dalla Goldsteig, azienda fondata niente di meno che nel 1992 (sic!) con stabilimenti in Cham, comune tedesco di 17.245 abitanti, situato nel land della Baviera (Germania!).

Come diceva Antonio Lubrano, la domanda nasce spontanea, anzi l’inca… nasce spontanea: possibile che si debbano percorrere 1.270 chilometri per portare almeno una volta a settimana queste prelibatezze dalla Baviera a Campobasso quando, tra le mille peculiarità inespresse della nostra regione, la prima, la più conosciuta, la più speciale di tutte è la bontà dei nostri prodotti caseari? Probabilmente le mozzarelle di Bojano sono le migliori d’Italia e che dire di quelle prodotte sui verdi pascoli dell’Alto Molise? E quanto costa tutto questo alle tasche dei contribuenti? E quanto costerebbe invece rifornirsi a chilometro zero, aiutando anche le tante aziende che si trovano in difficoltà di questi tempi, oltretutto offrendo (con tutto il rispetto) un prodotto nettamente superiore?

Ringraziamo il lettore per quanto suggeritoci, anche con umorismo, ma non c’è proprio nulla da ridere. Chissà ad esempio da dove provengono carne e pasta serviti ai degenti. Saranno prodotti in Argentina e Stati Uniti?