Home » I fatti » Stop alle antenne, costituito il Comitato di Quartiere San Giovanni e Limiti

Stop alle antenne, costituito il Comitato di Quartiere San Giovanni e Limiti

Nella giornata di ieri, si è riunito il Consiglio Direttivo del Comitato di quartiere San Giovanni e Limiti e strade confinanti.

Dando seguito alle decisioni assunte dall’Assemblea dei cittadini, ha provveduto all’approvazione dello Statuto e dell’Atto Costitutivo del Comitato di quartiere e alla nomina degli organi: Presidente Lorenzo Cancellario, vicepresidente Nicola Moffa, tesoriere Angelo Trivisonno e segretaria Federica Genovese.

Il Comitato è una libera associazione tra cittadini; è autonomo e apartitico. Opera sul piano del volontariato senza distinzioni ideologiche, confessionali o etniche; ha sede in Campobasso e la sua finalità è quella di tutelare il territorio e l’ambiente. In modo particolare il Comitato vuole evitare che, nelle contrade San Giovanni e Limiti e strade confinanti vengano istallati strumenti che possano produrre campi elettromagnetici.

Il Comitato si propone di difendere la qualità della vita e gli interessi degli abitanti delle due contrade e delle strade confinanti puntando ad un ottimale assetto e ad una corretta ed equilibrata gestione del territorio. Il Consiglio ha deciso di procedere, con convocazione ad horas, a due audizioni: la prima con l’avvocato Enzo Iacovino, esperto di diritto ambientale, per affrontare gli aspetti legali relativi all’istallazione di eventuali antenne 4/5 G e la seconda con i medici dell’ambiente che chiariranno i rischi sulla salute connessi alla presenza di queste tecnologie. Il CdQ  chiede al Sindaco di Campobasso di sospendere tutte le istruttorie delle pratiche in essere alla data odierna presso gli uffici comunali ed ancora inevase fino alla definizione di un nuovo piano regolatore delle antenne. Chiede inoltre di essere invitato ad un tavolo di concertazione per la condivisione di un nuovo piano delle antenne ed infine chiede che le Contrade San Giovanni, Limiti e strade confinanti vengano riconosciute, come giusto che sia, zone ad alta intensità abitativa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: