Home » Fuori le mura » Trattavano i bimbi dell’asilo come “maiali”, due maestre accusate di maltrattamenti aggravati

Trattavano i bimbi dell’asilo come “maiali”, due maestre accusate di maltrattamenti aggravati

BOJANO – Ancora una operazione condotta in brevissimo tempo dai Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Bojano (CB). Questa volta non si tratta di sostanze stupefacenti, ma di un reato ancora più grave – per come ritenuto dagli inquirenti – maltrattamenti in danno di minori. I piccoli alunni di un asilo erano così traumatizzati che quando in casa i genitori – così raccontano alcuni di loro – si avvicinavano per una carezza o li rimproveravano, istintivamente si proteggevano il viso, si mettevano in castigo faccia al muro da soli o di notte urinavano inconsciamente.

Proprio dalle dichiarazioni di alcune mamme, particolarmente allarmate dai comportamenti assunti dai bambini e da qualche segno riscontrato, sono partite nel dicembre del 2019 le indagini dei Carabinieri di Bojano, che nel volgere di due mesi hanno ricostruito un quadro indiziario a carico di due maestre di una scuola dell’infanzia dell’hinterland campobassano.

Bambini – dell’età dai 4 ai 6 anni – costretti a stare in castigo con il viso rivolto al muro o all’armadio per diverso tempo, schiaffi e tirate di capelli se non colpi inferti con oggetti trovati a portata di mano, questo è quanto accertato dall’attività di indagine, minuziosa e puntuale. Minacce di percosse, divieti di proferire parola, insultati e appellati come “maiali”, il quadro delle condotte acclarate che hanno pericolosamente minato l’integrità psicofisica dei piccolissimi alunni, al punto che qualcuno di loro anche in casa si metteva in castigo da solo e in casi più gravi non ha voluto più frequentare l’asilo, costringendo i genitori a sacrifici per il trasferimento in altra sede.

Le due maestre (42 e 62 anni), cui i piccoli erano affidati per ragioni di educazione, istruzione, cura, vigilanza e custodia, dovranno ora invece rispondere di maltrattamenti aggravati, è quanto emerge dall’Avviso di Conclusione indagini emesso a loro carico dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Campobasso. Nonostante le continue ed incessanti attività di indagine condotte da numerose Procure e Forze dell’Ordine, il fenomeno continua a ripetersi (accentuato in piccole realtà come quelle molisane), il commento del Comando Compagnia di Bojano, che sottolinea ancora una volta l’importanza delle segnalazioni e la fiducia riposta dai genitori nell’Istituzione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: