Home » In evidenza » Il Campobasso centra l’ottava vittoria esterna e si porta a -3 dalla vetta. Domenica è derby con l’Agnonese

Il Campobasso centra l’ottava vittoria esterna e si porta a -3 dalla vetta. Domenica è derby con l’Agnonese

MONTEGIORGIO-CAMPOBASSO 0-1

Rete: 70′ (r) Alessandro.

Montegiorgio (4-3-1-2): Mercorelli, Tempestilli, Di Nicola, Omiccioli, Ferrante, Gnaldi, Pampano (84′ Zancocchia), Trillini (75′ Aloisi), Njambè, Nasic (80′ Alighieri), Mariani. A disp.: Marani, Mejias, Santoro, Marziali, Lattanzi, Rozzi. All. Gabriele Baldassarri.

Campobasso (4-3-3): Raccichini, Martino (36′ Fabriani), Vanzan, Brenci, Menna, Dalmazzi, Bontà, Candellori, Cogliati, Alessandro (85′ Giampaolo), Zammarchi (65′ Tenkorang). A disp.: Natale, Sbardella, La Barba, Sanseverino, Barbetta, Musetti. All. Mirko Cudini.

Arbitro: Sig. Matteo Mori di La Spezia. Assistenti: Porcu e Mocci di Oristano.

Note: ammoniti Njambè, Alessandro, Giampaolo, Cudini. Recupero 3’+4′. Spettatori 400 circa di cui oltre 150 da Campobasso.

Ottava vittoria esterna del Campobasso, importantissima, quella centrata dall’undici di mister Mirko Cudini a Montegiorgio. Una gara molto difficile da affrontare per i lupi, sotto pressione dal dover rimontare ancora dalla capolista Notaresco e dal Matelica, contro una squadra ostica, che ha combattuto alla morte per tutti i 90′ di gioco. Ci ha pensato il solito Alessandro su calcio di rigore dopo un bell’appoggio a Bontà, steso al momento di controllare. Palla angolata e gol-partita per il Campobasso. Ma notizia ancor più bella (sportivamente parlando s’intende) arriva da Porto Sant’Elpidio dove la capolista lascia l’intera posta in palio ai padroni di casa, sconfitti pesantemente sette giorni fa dai Lupi. Classifica sempre più generosa per i rossoblù che, partita dopo partita, stanno realizzando un sogno che qualche mese fa sembrava irrealizzabile. Tre soli punti ora dividono la squadra del capoluogo, ma un popolo intero, dalla vetta della classifica. E domenica, ironia della sorte, c’è il derby contro l’ottima Olympia Agnonese…