Home » I fatti » Posto fisso di Polizia all’ospedale, il sindacato Fsp torna alla carica per la riapertura. Robusto: «Lo scenario è cambiato, prima che sia troppo tardi»

Posto fisso di Polizia all’ospedale, il sindacato Fsp torna alla carica per la riapertura. Robusto: «Lo scenario è cambiato, prima che sia troppo tardi»

Vincenzo Robusto

Valter Mazzetti, Segretario generale dell’Fsp Polizia di Stato, a proposito delle gravi notizie di aggressioni e gesti criminali compiuti ai danni di medici, personale, attrezzature e strutture sanitarie che si sono susseguiti nelle scorse settimane, ha recentemente dichiarato alla stampa nazionale: «Le gravissime violenze che si registrano con allarmante frequenza ai danni degli operatori sanitari troverebbero, certamente, una valida risposta nella presenza fissa e costante delle Forze dell’Ordine negli ospedali, nei cosiddetti ‘posti fissi’ di Polizia».

Anche Vincenzo Robusto, Segretario generale provinciale della Fsp di Campobasso, già Ugl Polizia, rinnova la propria richiesta di apertura del posto fisso di Polizia presso il locale ospedale Cardarelli. Lo stesso Robusto ricorda di essere stato il promotore della petizione per la riapertura del posto fisso di Polizia presso il nosocomio del capoluogo sin dalla fine del 2016 e di aver continuato a sottoporre la questione nel corso degli ultimi anni a tutti i Questori che si sono succeduti, così anche al neo Questore Dr. Francini.

I motivi che allora indussero l’amministrazione della Polizia di Stato a rimuovere i propri operatori da quell’ufficio distaccato, fu riferito, erano la carenza di organico e soprattutto la mancanza di personale che rivestisse la qualifica di ufficiale di P.G. La corposa raccolta firme, testimonianza certa della forte richiesta avanzata sia dai medici che dalla cittadinanza e gli articoli di stampa sottoposti a testimonianza dei gravi episodi verificatisi nel corso del tempo però non sono bastati.

Anche il Prefetto Dott.ssa Federico, insediatasi proprio agli inizia del 2017 e formalmente interessata, affermò con una propria nota che «il posto fisso dell’ospedale non fosse stato chiuso bensì, per motivi economici e di razionalizzazione della spesa, il personale della Polizia di Stato sarebbe prontamente intervenuto ogni qualvolta se ne fosse ravvisata l’esigenza», aggiungendo poi che «tale modalità organizzativa non aveva mai ingenerato lamentele da parte degli operatori sanitari e degli utenti dei servizi ospedalieri». Oggi, a distanza di ben 4 anni, anche a seguito dell’incremento delle qualifiche da Agente ad Ufficiale di P.G. degli operatori di Polizia, avvenuto con il recente riordino, il segretario Fsp di Campobasso torna a riproporre alle autorità competenti la sentita richiesta di riapertura del posto fisso di Polizia al Cardarelli, quale chiaro segnale di vicinanza a chi, distante dal centro urbano, opera in seno ad una collettività composta da medici, paramedici, infermieri, pazienti ricoverati ed ambulatoriali, operatori civili e visitatori, di circa 5.000 persona che, sempre più, chiede l’aumento della percezione della propria sicurezza prima che anche da noi avvengano episodi gravi come già accaduto in altre realtà.