Home » I fatti » “Vite al bivio”, presentata la raccolta di racconti dei ragazzi del Liceo Classico

“Vite al bivio”, presentata la raccolta di racconti dei ragazzi del Liceo Classico

I ragazzi del Liceo Classico “Mario Pagano” di Campobasso, insieme ai loro docenti, questa mattina hanno presentato, presso la biblioteca dell’istituto di via Scardocchia, la raccolta di racconti “Vite al bivio”, recentemente pubblicata.

A cimentarsi con la scrittura sono stati ben sedici giovani studenti del Liceo campobassano che hanno rivestito i panni di personaggi posti dinanzi ad un bivio di fronte al quale la vita li ha posti. L’intento dei racconti, hanno spiegato la professoressa Ester Lembo e il professor Mario Lauletta che hanno accompagnato gli studenti in questa particolare esperienza, è quello di esplorare con intimità e trasparenza i sentimenti dei protagonisti nel cruciale momento di una scelta, atto alle volte tanto temuto. Insieme al dirigente scolastico del Liceo Classico Mario Pagano, professor Sergio Genovese, ha partecipato alla presentazione anche il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina.

«I bivi nella vita esistono ad ogni età e per compiere le proprie scelte liberamente, lo studio è lo strumento principale da coltivare perché permette ad ognuno di noi di costruirsi come persona, di affinare il proprio pensiero e di esplorare la profondità delle cose. – ha affermato nel suo saluto agli studenti il sindaco Gravina – Le scelte, poi, non sempre risultano tutte indovinate, ma se abbiamo coscienza delle motivazioni che ci hanno indotto a compierle, anche gli sbagli possono essere vissuti non come dei drammi ma come dei passaggi importanti per migliorare la nostra vita e la realtà sociale che ci circonda. La scuola, attraverso progetti come quello presentato oggi nella biblioteca del Liceo Classico di Campobasso, forma il senso di responsabilità delle giovani generazioni che sono chiamate a scegliere, oltre al proprio percorso di studio, anche come convivere con gli altri in una società che ha bisogno di loro e della loro sensibilità».