Home » In evidenza » La Magnolia non scende in campo, la bestia nera Umbertide ne approfitta e regala il primo dispiacere della stagione ai #fioridacciaio

La Magnolia non scende in campo, la bestia nera Umbertide ne approfitta e regala il primo dispiacere della stagione ai #fioridacciaio

LA MOLISANA MAGNOLIA CAMPOBASSO-LA BOTTEGA DEL TARTUFO UMBERTIDE 67-77

(9-22, 23-39; 40-57)

Magnolia CB: Porcu 8 (1/5, 2/6), Di Gregorio 3 (0/1, 0/3), Mancinelli 12 (4/8, 0/2), Bove 5 (1/5, 1/4), Di Costanzo 6 (3/3); Chrysanthidou 4 (2/5), Marangoni 25 (6/9, 4/7), Sanchez 4 (1/4, 0/2), Mašić (0/3, 0/2), Amatori. Ne: Sammartino. All.: Sabatelli.

Umbertide: Pompei 6 (0/3, 2/5), Prosperi 15 (3/8, 2/5), Giudice 11 (2/5, 2/5), Paolocci 9 (3/6, 1/4), Kotnis 19 (6/9, 1/2); De Cassan 12 (5/5), Moriconi 5 (1/2, 1/5). Ne: Bartolini, Spigarelli e Gambelunghe. All.: Contu.

Arbitri: Paglialunga (Ancona) e Vittori (Ascoli Piceno).

Note: tiri liberi: Campobasso 10/16; Umbertide 10/13. Rimbalzi: Campobasso 40 (Mancinelli 8); Umbertide 45 (De Cassan 9). Assist: Campobasso 18 (Porcu 9); Umbertide 20 (Paolocci 7). Progressione punteggio: 9-10 (5’), 13-30 (15’), 34-46 (25’), 49-65 (35’). Massimo vantaggio: Campobasso 1 (7-6); Umbertide 21 (44-65).

Marangoni, 25 punti per lei

Si interrompe a sette la striscia di successi consecutivi di avvio stagione per La Molisana Magnolia Campobasso. A tre settimane dall’ultima gara disputata – quella in trasferta a Livorno – le rossoblù cedono, sul parquet amico del PalaVazzieri, di fronte ad un’Umbertide che finisce per imbrigliare le rossoblù con un parziale di 16-0 tra la seconda metà del primo quarto e l’avvio del secondo periodo, gap che costerà caro alle rossoblù costrette ad un lungo inseguimento non concretizzato però nonostante un quarto periodo da applausi.

In un avvio segnato da diversi errori al tiro, le campobassane si trovano a dover inseguire sempre le proprie avversarie, riuscendo, però, almeno inizialmente, a mettere per tre volte la testa avanti. Giudice e Prosperi siglano il primo break per le ospite, cui prova a rispondere dalla lunetta capitan Di Gregorio. Da quel momento, per oltre 7 minuti, la via del canestro diventa un labirinto per le campobassane. Umbertide piazza un break di 12-0 ispirato da Paolocci con cui chiude la prima frazione avanti di tredici (9-22).

Mia Mašić, solo virgola

Umbertide fugge sino al +17 (9-26) in avvio di secondo periodo grazie a De Cassan, prima che Sanchez provi a suonare la riscossa. Porcu, Mancinelli e Chrysanthidou provano a riavvicinare le molisane, ma è Kotnis a portare le umbre sul +19 prima che il punteggio si fissi sul 23-39 all’intervallo lungo grazie ad una tripla di Bove.

Di Costanzo prova a dare sostanza alle sue in avvio di terzo periodo, poi inizia a venir fuori Sofia Marangoni. La play veronese – top scorer di serata con 25 punti e 20 di valutazione – con un gioco da tre punti ed una tripla riporta le sue sino al -11 (37-48), ma ancora una volta è Umbertide ad avere il giusto abbrivio con diciassette punti da recuperare per le rossoblù (40-57). Costantemente on fire, Marangoni sigla i primi 9 punti delle rossoblù durante l’ultimo periodo. Poi Sanchez (dalla linea dei tiri liberi) e Mancinelli riducono il gap. La tripla di Mancinelli vale il -7 (64-71) con Amatori che, per poco, non concretizza un recupero che avrebbe potuto creare più di qualche grattacapo alle ospiti. Umbertide, però, non si disunisce e va a prendersi il referto rosa (67-77), lasciando alle campobassane il rammarico per quel blackout pagato a caro prezzo. Al suono della sirena il coach delle rossoblù Mimmo Sabatelli è particolarmente chiaro nella sua analisi. «Non siamo stati noi – argomenta senza mezzi termini – ed abbiamo perso meritatamente. Una sconfitta ci può stare, non facciamo alcun dramma. Le tre settimane senza gare? Senz’altro hanno rappresentato in piccola percentuale un fattore, ma non un alibi. Dobbiamo essere consapevoli che ogni gara, com’è stato sinora e come sarà da qui in avanti, andrà affrontata al massimo delle potenzialità, come fosse una finale. Cos’è mancato? Abbiamo accettato il loro gioco, non imponendo la nostra filosofia, fatta di energia come avvenuto nell’ultimo periodo. Ci teniamo la sconfitta e sulla scorta di quanto fatto negli ultimi dieci minuti, riprenderemo a lavorare con forza per arrivare nelle migliori condizioni possibili ai prossimi appuntamenti». Davanti a loro, le magnolie avranno un altro esame di tutto rilievo: domenica, infatti, il quintetto rossoblù sarà ospite in Liguria della Cestistica Spezzina.

Umbertide fa festa

Sul versante rossoblù, intanto, notizie felici giungono per l’esterna Elena Sammartino. La giocatrice campobassana, infatti, è stata inserita nella terna di studenti-atleti che hanno ricevuto la borsa di studio “De Bernardo”, concorso patrocinato dal Coni regionale. Per la giovanissima guardia dei #fioridacciaio la cerimonia di premiazione giovedì 17 dicembre presso la sede dell’organismo territoriale del comitato olimpico.