Home » In evidenza » Disturbi specifici dell’apprendimento, esperti a confronto all’evento organizzato dai centri Sanstefar

Disturbi specifici dell’apprendimento, esperti a confronto all’evento organizzato dai centri Sanstefar

Diversa-mente abili, disturbi specifici dell’apprendimento e autismo. Questo il focus dell’importante evento formativo organizzato dai Centri di Riabilitazione Molisani e Sanstefar Molise quest’oggi presso l’Hotel San Giorgio di Campobasso.

Alla presenza del Presidente Sanstefar dott. Ercole Core e del responsabile scientifico e neuropsichiatra infantile dott. Michele Loreto, diversi sono stati gli interventi scientifici rivolti alla nutrita platea di esperti. Dopo i saluti istituzionali il primo intervento è stato quello della dott.ssa Giuseppina Falciglia, responsabile del servizio di neuropsichiatria infantile della Asrem molisana cui è stato affidato il compito di introdurre l’incontro e parlare dello stato dell’arte. A seguire gli interventi della psicomotricista Ivana Iacovelli che ha relazionato sull’ “Importanza del gioco simbolico nel trattamento riabilitativo del bambino autistico”; della logopedista Patrizia Salvemini sulla “Selettività alimentare nel bambino autistico”; della psicologa Rosaria Lupidii per ciò che concerne le “Implicazioni psicologiche nel processo riabilitativo del bambino autistico”; della logopedista Manuela Mennitti su “La comunicazione Aumentativa Alternativa”.

Nel pomeriggio, invece, il dibattito è proseguito con gli interventi della psicologa Anna Maria Verdoscia che ha parlato di “Diagnosi e famiglia: i percorsi di sostegno”. La psicologa Rossana Coppola, poi, si è soffermata sull’ “Approccio multidimensionale al bambino autistico”. Il responsabile scientifico dott. Michele Loreto ha relazionato sulla “Sindrome di Asperger: caso clinico”. Successivamente sono intervenuti i dottori Silvia Esquilino, Anna Maria Incollingo, Mariangela Di Paolo e Fulvia Tarasco che hanno spostato i lavori su argomenti come DSA, disortografia, disturbo misto e neuropsicomotricità.

Ognuna delle figure professionali ha portato all’attenzione della platea l’esperienza di un caso realmente trattato e i progressi ottenuti seguendo le direttive dettate dall’Istituto Superiore della Sanità in tema di diagnosi e trattamento dei disturbi dell’apprendimento e di autismo, problematiche quantomai d’attualità.