Home » In evidenza » “Lavori in corso” al Libero Opificio Teatrale Occidentale, presentata la IV edizione del Loto Link Festival. Tra i tanti big ospiti il monologo di Elio Germano

“Lavori in corso” al Libero Opificio Teatrale Occidentale, presentata la IV edizione del Loto Link Festival. Tra i tanti big ospiti il monologo di Elio Germano

Loto Link Festival, lavori in corso. Investiamo in emozioni. Una rassegna multidisciplinare che fa da apripista alla vera e propria stagione teatrale del Libero Opificio Teatrale Occidentale che partirà a gennaio 2020, in un luogo che diventerà sempre più unico attraverso l’enorme sforzo in riqualificazione che Comune di Ferrazzano e Teatrimolisani stanno portando avanti negli ultimi mesi.

Presso il palazzo ex Gil di Campobasso alla presenza dell’assessore regionale alla Cultura Vincenzo Cotugno, del sindaco di Ferrazzano Antonio Cerio e del direttore artistico del teatro Stefano Sabelli si è tenuta questa mattina la conferenza di presentazione del cartellone che partirà mercoledì 30 ottobre alle 20.30 per concludersi il 6 gennaio del nuovo anno. Cotugno e Cerio hanno affrontato il tema della crescita della nostra regione attraverso eventi culturali di questo calibro e dell’esigenza di fare rete tutti insieme affinché il nostro Molise si affacci a realtà ben più importanti e consolidate con le proprie enormi potenzialità del settore. «Il Loto ha una storia di quasi 500 produzioni e spettacoli già realizzati dove tanta gente è cresciuta professionalmente – ha affermato Sabelli – Sono entrate persone di 13 anni che oggi sono attori formati e svolgono la professione. Questo è stato il nostro investimento e questo continuerà ad essere.

Da campobassano mi sono sempre sentito cittadino del mondo ma anche ‘primo cittadino’ del mondo: non ho mai avuto paura che il mio talento potesse essere messo a confronto con chiunque, ma sempre consapevole di poter partire da qui. L’investimento sul Molise per me è stato fondamentale: è un po’ come voler ringraziare i miei padri, i miei nonni, chiunque mi abbia insegnato e dato qualcosa. Da qui è partito l’investimento sul Loto che è diventato un esempio non solo per il Molise: riceviamo circa 20/25 mail a settimana per spettacoli che si propongono da tutto il mondo, chiedendoci di venire al Loto.

Abbiamo voluto condividere il nostro investimento avviando la pratica dell’ArtBonus – ha continuato – istituzionalizzata dal ministro Franceschini nel 2015, essendo l’unica realtà molisana riconosciuta dal Ministero. Oggi questa misura ci consente di finanziare il Loto, partecipando con coloro che vogliono offrire donazioni libere avendo il 65% di credito d’imposta in cambio. Abbiamo già ricevuto 15mila euro circa di donazioni a favore della ristrutturazione, tra le quali alcune da Torino, dal Veneto e oggi piano piano dobbiamo sensibilizzare le imprese regionali a fare altrettanto. La Scala di Milano, ad esempio, recupera 9 milioni di euro l’anno con l’ArtBonus.

Oggi apriamo una stagione che abbiamo voluto chiamare ‘lavori in corso’ nel vero senso della parola – ha chiosato Sabelli – perché chi entra al Loto avrà proprio l’idea della fatica ed il lavoro che c’è dietro il fare teatro. Siamo orgogliosamente i primi grazie alla misura di Turismo è Cultura ad aver svolto un lavoro in assunzione, riconoscibile. Oggi, probabilmente, il Teatro del Loto è l’unica voce nell’ambito di turismo e cultura in cui il Pil regionale può riconoscere una crescita. Abbiamo 1200 giornate contributive l’anno, come se avessimo assunto 5 persone a tempo indeterminato».

Dal punto di vista più strettamente artistico da segnalare “Tornò al nido… e altre Titine”, un’opera che nasce da alcuni scritti di Titina De Filippo, in scena il 9 e 10 novembre prossimi; “La mia battaglia VR” di Elio Germano e Chiara Lagani, monologo a quattro mani in cui lo spettatore sarà portato a piccoli passi a confondere immaginario e reale in scena 7 e 8 dicembre. “Anche i molisani nel loro piccolo s’incazzano” di Pippo Venditti ed Enzo Luongo aprirà la kermesse 30 e 31 ottobre; ma anche lo spettacolo e workshop di danza etnica-contemporanea “Ebbo’ ” di Maria Grazia Sarandrea (15/16 novembre) e Mario Incudine in “Barbablu’ ” di Costanzo Di Quattro con la regia di Moni Ovadia. Ultimi due spettacoli il 9 dicembre “Billie Holiday” di Ksenija Prohaska e Arsen Ostoijc del Teatro Nazionale Croato di Spalato e, durante il periodo natalizio dal 18 dicembre al 6 gennaio 2020 “PeerGynTrip” (regia di Stefano Sabelli) con Eva Sabelli, Gianantonio Martinoni, Bianca Mastromonaco, Matteo Palazzo, Fabrizio Russo e Piermarino Spina.

A margine della presentazione del festival l’assessore Cotugno, in anteprima, ha voluto svelare la prima “panchina multimediale” posizionata nell’atrio dell’ex Gil. Una panchina alimentata a pannelli solari dotata di porte Usb e caricabatterie per cellulari Wi-Fi, nonché di un ampio display con previsioni meteo e connessione ad Internet.