Home » I fatti » Vicepresidenza della Provincia: «Capoluogo snobbato, altri interessi in ballo»

Vicepresidenza della Provincia: «Capoluogo snobbato, altri interessi in ballo»

I consiglieri comunali a Palazzo San Giorgio Alberto Tramontano, Maria Domenica D’Alessandro, Alessandro Pascale, Salvatore Colagiovanni, Carla Fasolino, Domenico Esposito e Mario Annuario hanno inviato alla stampa la seguente nota.

Alla vigilia delle elezioni per la carica di Presidente della Provincia di Campobasso, come gruppo di centrodestra del Comune di Campobasso, nel ribadire l’appoggio al sindaco di Termoli, Francesco Roberti, avevamo auspicato, in vista della sua elezione al vertice di Palazzo Magno, che la città di Campobasso ricevesse maggiore considerazione da parte dei vertici regionali del centrodestra.

Avevamo garantito l’appoggio a Roberti, ribadendo la nostra convergenza sul consigliere comunale di Campobasso, Alessandro Pascale, quale vice-presidente. Lo scorso 2 settembre, al termine di un incontro, avevamo chiesto “in maniera ferma e decisa che il Comune di Campobasso venisse opportunamente rappresentato, attraverso la vice-presidenza dell’ente di via Roma”.

Nulla contro il sindaco di Petrella Tifernina, Alessandro Amoroso, a cui va il nostro in bocca al lupo, ma non si può non sottolineare come il voto ponderato dei singoli consiglieri comunali del capoluogo molisano valga più di un intero Consiglio comunale di quasi tutti i Comuni della provincia di Campobasso. Nel mese successivo all’elezione del Presidente Francesco Roberti si sono susseguiti incontri, dai quali ci erano giunte rassicurazioni sulla vice-presidenza e del giusto spazio e considerazione che avrebbe ricevuto la città di Campobasso.

Siamo a constatare, per l’ennesima volta, che questo centrodestra è dominato da altre logiche, rispetto alle nostre, quelle di amministratori comunali che hanno un obiettivo: quello di rimettere al centro la città di Campobasso, fulcro dell’economia regionale, ma soprattutto quello di rimettere al centro degli interessi i cittadini del capoluogo. Ancora una volta, a nostro avviso, sono stati messi davanti altri interessi, rispetto a quelli della città di Campobasso.