Home » Fuori le mura » Maltrattamenti in famiglia e atti persecutori, un arresto e una denuncia in stato di libertà

Maltrattamenti in famiglia e atti persecutori, un arresto e una denuncia in stato di libertà

Continua senza sosta l’attività di contrasto al fenomeno della “violenza di genere” da parte dei Carabinieri della Compagnia di Bojano. I militari della Stazione Carabinieri di Trivento, il 5 e il 6 scorsi, in due distinte operazioni, hanno tratto in arresto un cittadino italiano di 48 anni e denunciato in stato di libertà un cittadino italiano di 32 anni. Il primo deve scontare una pena residuale pari a mesi 6 e 17 giorni, colpito da ordinanza del Tribunale di Sorveglianza di Campobasso, emessa per maltrattamenti familiari commessi fino al 2006. Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato condotto presso la propria abitazione dove sconterà la pena in regime di detenzione domiciliare.

Il secondo è stato deferito in stato di libertà, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Campobasso, per il reato di “atti persecutori”, ritenuto autore di continue minacce e molestie telefoniche perpetrate nei confronti di una donna, con la quale aveva instaurato una relazione sentimentale, che con coraggio e forza di volontà è riuscita a denunciare lo stato di ansia e di paura ai Carabinieri. L’Arma dei Carabinieri lancia nuovamente un chiaro segnale rivolto alle donne, vittime di violenza di genere, invitandole a denunciare i maltrattamenti alle Autorità competenti sin dai primi segnali di malessere in ambito familiare.