Home » Fuori le mura » Il Tar lascia ancora aperto il reparto maternità del San Timoteo, per ora

Il Tar lascia ancora aperto il reparto maternità del San Timoteo, per ora

Il Tar Molise con Decreto Cautelare n.135 deposito nella mattinata odierna ha accolto la richiesta cautelare avanzata dagli Avv.ti Vincenzo Iacovino e Massimo Romano in difesa dei Comuni e delle mamme basso-molisane che attendono di partorire presso l’Ospedale di Termoli.

Un servizio importante che copre un bacino di utenza di oltre 100.000 persone e che triplica nel periodo estivo. Ad agire in giudizio sono stati i Comuni Termoli, Campomarino, Castelmauro, Guardialfiera, Guglionesi, Mafalda, Montecilfone, Portocannone, San Giacomo degli Schiavoni, San Martino in Pensilis, Ururi, Montefalcone, Petacciato (ed altri stanno ancora aderendo) e tantissime mamme in attesa di partorire presso il nosocomio termolese. Nel frattempo la mobilitazione sta crescendo e tantissime associazioni e cittadini sono mobilitati con diverse iniziative e raccolte di firme per scongiurare la soppressione del punto nascite e dell’intera sanità pubblica nel basso-molisana. Il Tar ha fissato l’udienza collegiale di discussione al 24 luglio 2019.

Adesso tocca anche alla politica fare una seria riflessione e trovare una soluzione alternativa alla chiusura a tutela del bene comune e delle famiglie e mamme basso-molisane.