Home » I fatti » La pioggia battente non ferma la Transumanza. I trecento capi della famiglia Colantuono in marcia verso l’arrivo (GALLERY)

La pioggia battente non ferma la Transumanza. I trecento capi della famiglia Colantuono in marcia verso l’arrivo (GALLERY)

La Transumanza d’Italia della Famiglia Colantuono 2019

Il passaggio alla “Taverna del Cortile” sotto la pioggia battente dei circa 300 capi partiti da San Marco in Lamis e diretti a Frosolone

Alle 18.45 i primi dei 346 bovini della Transumanza d’Italia della famiglia Colantuono, edizione 2019, hanno fatto la loro apparizione sulla collina dirimpetto alla Taverna del Cortile, nel Comune di Ripalimosani (CB), con tutto il seguito di cavalieri mandriani coperti da grossi teli impermeabili vista, anche oggi, l’abbondante pioggia caduta lungo tutto il percorso di oggi da Santa Croce di Magliano fino a contrada Quercigliole, sempre a Ripalimosani.

Tanti i curiosi assiepati lungo il cammino che hanno sfidato la pioggia scrosciante pur di vedere da vicino questo spettacolo unico (in odere di Unesco) che la famiglia Colantuono di Frosolone ripropone da qualche anno a questa parte. Il secondo giorno di cammino, dopo la partenza di ieri da Ponte Civitate in territorio di San Marco in Lamis nel foggiano lungo il tratturo fino a Santa Croce di Magliano, ha visto l’attraversamento dei territori di San Giuliano di Puglia, Bonefro, Colletorto, Sant’Elia a Pianisi, Monacilioni, Ripabottoni fino alla “Femmina morta” in direzione Campolieto, Matrice, Campobasso e Ripalimosani. Domani, l’ultimo tratto: partenza dalle Quercigliole per arrivare, attraversando il tratturo Lucera-Castel di Sangro, il Biferno per risalire verso Castropignano, Torella del Sannio e Molise, fino ad arrivare a Frosolone.