Home » Sport » Basket A2 – «Se vinciamo i playoff non iscrivo la squadra», le dure parole del patron Matteiplast Bologna Gianfranco Civolani

Basket A2 – «Se vinciamo i playoff non iscrivo la squadra», le dure parole del patron Matteiplast Bologna Gianfranco Civolani

Non è una novità ma è una conferma pesantissima. In caso di vittoria dei playoff del girone sud dell’A2 femminile di basket la Matteiplast Progresso Bologna non si iscriverà (sarebbe la seconda volta in pochi anni che accade) al campionato superiore, quello di A1.

La notizia è tornata prepotentemente nell’ambiente della palla a spicchi del capoluogo molisano nel pomeriggio dopo le nuove esternazioni del patron del Bologna, Gianfranco Civolani, il quale questa mattina ha ribadito la sua posizione sulle frequenze di Radio International: «Senza voler offendere o fare dei dispetti a qualcuno, ribadisco che se la squadra dovesse esser promossa in A1 la società rinuncerà in pochi anni per la seconda volta alla promozione consapevole che sarà penalizzata di conseguenza dalla federazione. Il mio commento in merito è solo uno: chi se ne frega».

Queste le sconcertanti parole del presidente felsineo, in barba a qualsiasi fairplay sportivo e all’obiettivo stesso della post season: salire di categoria. Ricordiamo che lo stesso Civolani mandò nel caos l’ambiente cestistico Progresso esonerando coach Giroldi a febbraio per poi richiamarlo spinto dal volere delle stesse giocatrici e, dopo aver chiuso a pari punti al secondo posto con La Molisana Magnolia Campobasso la regular season, ha liquidato ai quarti San Giovanni Valdarno e alle semifinali proprio la squadra di coach Sabatelli in casa e a domicilio. In programma, dunque, la finalissima contro Andos Palermo ma, stando così le cose tutto perderebbe di significato, lasciando ancor di più l’amaro in bocca per un regolamento playoff molto discusso (dove la prima in classifica non sale di diritto) e un finale di stagione in cui la vittoria sembrerebbe già assegnata prima ancora di essere conquistata. Senza considerare i team che, per motivi diversi, hanno dovuto dire addio alla coda-promozione. Oltre al danno, la beffa.

m.s.