Home » I fatti » Regionalismo differenziato, l’onorevole Occhionero attacca: «Riforma pericolosa, a rischio unità nazionale»

Regionalismo differenziato, l’onorevole Occhionero attacca: «Riforma pericolosa, a rischio unità nazionale»

«Stanno realizzando la secessione sotto mentite spoglie, il Nord sarà sempre più forte e il Sud è destinato a soccombere. E’ sconcertante che nel Mezzogiorno la Lega ottenga tutti quei voti».

Lo ha dichiarato l’onorevole di Liberi e Uguali, Giuseppina Occhionero, a proposito del cosiddetto ‘regionalismo differenziato’ che il Governo di Lega e Cinque Stelle ha messo in campo. «E’ una riforma maldestra e pericolosa – l’ha definita la deputata – perché non solo favorisce le regioni settentrionali, ma mette a serio rischio l’unità nazionale». Secondo la parlamentare molisana, il Nord continuerà ad avere più risorse e i problemi del Sud aumenteranno a dismisura. Con il federalismo differenziato, avremo regioni con sanità, welfare, istruzione e formazione di eccellenza al Nord, dove si concentrerebbero il sistema produttivo e il commercio, e regioni arretrate accompagnate dalla promessa di sostenerne i bisogni. Modelli diversi di Stato e con cittadini di serie A e serie B. «Serve un argine a questo tentativo di secessione mascherata da regionalismo – ha aggiunto l’onorevole Occhionero – e come hanno osservato da più parti è a rischio la coesione del Paese. Dare più autonomia alle regioni è indispensabile ma bisogna farlo dando pari opportunità e non aumentando distanze che sono già evidenti. Lo Stato deve garantire uguali diritti a tutti i cittadini e non dare opportunità migliori ad una specifica area geografica. A questo disegno scellerato – ha concluso l’onorevole Occhionero – ci opporremo con tutte le nostre forze e con ogni mezzo democratico che abbiamo a disposizione. Conto che i cittadini intuiscano che la Lega sta scavando la fossa al Sud del Paese e che nell’urna si comportino di conseguenza».