Home » I fatti » Fondazione Giovanni Paolo II e stato di agitazione, i Cobas si dissociano

Fondazione Giovanni Paolo II e stato di agitazione, i Cobas si dissociano

Lo stato di agitazione dei dipendenti della Fondazione Giovanni Paolo II di Campobasso, proclamato da Cgil, Cisl, Ugl e Fials, non trova d’accordo le RSA Cobas P.I. In una nota il sindacati autonomo smentisce «nel modo più assoluto di aver dato un mandato a raffreddare un conflitto che, al momento è inesistente. Considerato il numero esiguo di partecipanti alla citata assemblea, ci sembra inopportuno e alquanto scorretto procurare un falso allarme, in una fase di rinnovo contrattuale. Di fatto sono aperti due tavoli contrattuali i quali dovranno affrontare tutte le problematiche di un rinnovo aziendale sia nella parte economica che nella parte normativa.»

Il Cobas getta acqua sul fuoco: «Questa fase di contrattazione è una fase delicata, indispensabile per stabilire coerentemente, fra le parti, le materie, gli indirizzi e le scelte riferite a quanto è demandato alla contrattazione collettiva integrativa. Inoltre richiede un ampio contesto relazionale, ispirato ai principi di responsabilità, correttezza e trasparenza, teso a sostenere e garantire, uguali diritti normativi ed economici per gli operatori della sanità che prestano le loro attività nella Fondazione Giovanni Paolo II e che, come tutti sanno è una struttura convenzionata con SSN. Ci dissociamo nel modo più assoluto da tali atteggiamenti – conclude la nota – privi di coinvolgimento e non condivisi con i diretti interessati.»