Home » In evidenza » Lupi, patatrac in 3 minuti! Neanche a Notaresco arriva la tanto attesa svolta

Lupi, patatrac in 3 minuti! Neanche a Notaresco arriva la tanto attesa svolta

S.NICOLO’ NOTARESCO-CAMPOBASSO 2-0

Reti: 1′ e 3′ Minella.

S.Nicolò Notaresco: Monti, Fabriani, Mozzoni, Blando (73′ Fiscaletti), Salvatori, Dalmazzi, Liguori (56′ Marcelli), Candelori, Moretti, Bontà, Minella (64′ Manari). A disp.: D’Ostilio, Cianci, Massetti, Di Lollo, Cancelli, Petrarulo. All. Mirko Cudini.

Campobasso: Sposito, Spinelli (66′ Palmieri), Allocca, Di Pierri, Magri, Diop (66′ Tommasini), Danucci, Merio (52′ Minchillo), Da Dalt, Cogliati, Giacobbe (70′ Improta). A disp.: Cutrupi, Antonelli, D’Orsi, Del Prete, Seck. All. Bruno Mandragora.

Arbitro: Julio Milan Silvera di Valdarno. Assistenti: Cordani di Piacenza e Panzardi di Bologna.

Note: spettatori 400 circa con sparuta rappresentanza rossoblù. Giornata uggiosa.

Il Campobasso esce sconfitto anche dal “Vincenzo Savini” di Notaresco ed incassa la quinta sconfitta (seconda consecutiva) in dieci giornate di campionato. Nella passata stagione, nonostante sia finita con una salvezza agguantata per i capelli, i punti alla stessa giornata erano 19. Si sta facendo di peggio, dunque, ma quasi quasi nessuno sembra accorgersene. D’accordo che probabilmente senza l’avvento della nuova società staremmo parlando d’altro ma, oggi come oggi, l’alibi non regge più. Occorre una sterzata che forse sarebbe dovuta arrivare già da qualche giornata e che, invece, i tifosi hanno aspettato anche per questa domenica. Ora, sinceramente, si rischia di continuare il campionato a spalti vuoti, nonostante la bella campagna abbonamenti estiva e la fiducia ricreata intorno ad un progetto finalmente degno di tale nome. Ma, si sa, nel calcio i risultati sono tutto. E senza risultati, da che mondo è mondo, il primo a pagare è l’allenatore. Non ce ne voglia Mandragora ma, anche per orgoglio personale, lasciare il posto ad altri per tentare di risalire la china sarebbe un gesto davvero encomiabile. Insistere sarebbe come infischiarsene totalmente degli amanti del Lupo che, ancora oggi, hanno viaggiato per onorare i propri colori. A buon intenditor…