Home » Pagina aperta » Giochi per bambini nuovi di zecca ma inaccessibili in via Pirandello, perché non spostarli altrove?

Giochi per bambini nuovi di zecca ma inaccessibili in via Pirandello, perché non spostarli altrove?

In tutte le città del mondo esistono spazi verdi arredati con giochini per bambini, di legno, di ferro, di plastica che siano, dove i genitori possano portare i loro figli a prendere un po’ d’aria nelle giornate calde d’estate. Spesso e volentieri, tuttavia, la manutenzione di altalene e scivoli risulta carente; vuoi per mancanza di fondi, vuoi per il meteo, vuoi per disinteresse, vuoi per l’utilizzo stesso che ne fanno i bimbi (a volte anche i più grandicelli si divertono a distruggerli) i giochi  si rovinano e talvolta diventano addirittura pericolosi. E’ davvero raro trovare un’area pubblica attrezzata, nuova di zecca e soprattutto con tutte le attrezzature intatte.

Sembrerebbe che Campobasso sia in controtendenza rispetto al resto del mondo, se non fosse che, in via Pirandello, il percorso attrezzato per bambini è assolutamente inaccessibile e in un posto a dir poco squallido e pericoloso. Stiamo parlando dell’area attrezzata che si trova a partire dalla rotatoria di Largo Impallomeni e, passando sotto il ponte di via Pirandello, ‘sbuca’ sullo svincolo… per la tangenziale. Panchine nuove di zecca, ma avvolte dalle erbacce; scivoli e casette di legno inutilizzate perché difficili anche da individuare; illuminazione pubblica… sotto una montagna di cemento, il ponte. La domanda, allora, sorge spontanea: sarebbe possibile spostare tutta l’attrezzatura in altri parchi della città dove risulta logorata o inesistente?