Home » I fatti » Guardia di Finanza di Campobasso, scoperta la ‘truffa dei kilowatt’

Guardia di Finanza di Campobasso, scoperta la ‘truffa dei kilowatt’

Il Nucleo Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Campobasso ha concluso un’indagine delegata dall’A.G. del Capoluogo originata da ben 20 esposti presentati da altrettante parti lese.

Si tratta di proprietari di fondi rustici che, attraverso scritture private si erano impegnati a cedere terreni a due imprenditori operanti nel comparto delle produzione a livello industriale di energie rinnovabili. I relativi atti sono risultati viziati da varie clausole che hanno indotto in errore i contraenti, quali la promessa di futuri vantaggi economici derivanti dalla vendita di energia elettrica. Ed ancora, nessuna richiesta di autorizzazione o “connessione” era stata avanzata ai gestori di rete nazionale o ai preposti Enti, né esistevano convenzioni in tal senso come falsamente attestato dai soggetti denunciati.

I finanzieri hanno quantificato in circa 200mila euro gli importi sui quali gli ideatori della truffa avevano messo le mani (di cui 95mila intascati), che ora risponderanno dei reati di cui agli articoli 110 e 640 2° Comma del C.P..

Ad ulteriore riprova della condotta fraudolenta, le indagini hanno anche accertato che la connessa attività d’impresa era stata cessata ormai da tempo e non erano stati assolti obblighi fiscali fondamentali, quali la presentazione delle dichiarazioni.