Home » I fatti » ‘La Molisana’, numeri in continua crescita grazie ad impegno e professionalità
Rossella e Giuseppe Ferro

‘La Molisana’, numeri in continua crescita grazie ad impegno e professionalità

L'A.d. Giuseppe Ferro

L’A.d. Giuseppe Ferro

Una quota di mercato cresciuta del 3,8%; un export che nel 2013 ha fatto registrare un +20% rispetto all’anno precedente (5% sopra la media nazionale); la presenza in 60 Paesi del globo più altri che si uniranno non appena disbrigate le pratiche burocratiche e sanitarie (ad esempio si aspetta da due anni il lasciapassare dal Venezuela per entrare nel mercato locale); un incremento delle vendite nazionali soprattutto in zone ricche come il Nord Est; 600mila pacchetti di pasta prodotti giornalmente; un fatturato 2013 pari a 129 milioni di euro.

Sono questi i numeri snocciolati dall’amministratore delegato de La Molisana Giuseppe Ferro e dai suoi responsabili di settore Rossella Ferro (Marketing), Flavio Ferro (Produzione) e Maria Di Fabio (Export manager) durante l’annuale conferenza stampa di resoconto tenutasi questa mattina presso il pastificio.

Il Dir. Impianto Flavio Ferro

Il Dir. Impianto Flavio Ferro

Tutto questo, hanno spiegato i relatori sapientemente introdotti dalla press agent Michaela Marcaccio, è frutto ovviamente di un grosso investimento da parte della famiglia Ferro ma soprattutto di sagge e azzeccate mosse di marketing come il ritorno, dopo 20 anni circa, alla pubblicità su tutte le reti nazionali (Rai, Mediaset e La7); della geniale intuizione-creazione dello spaghetto quadrato (che ha triplicato le vendite) diventato un must e attuale cavallo di battaglia dell’azienda che lo ha lanciato per primo, affiancando la modernità della produzione trafilata al bronzo con il classico spaghetto alla chitarra della tradizione molisana.

L'export manager Maria Di Fabio

L’export manager Maria Di Fabio

Un prodotto che non ha perso in consistenza e tenacità rispetto al classico spaghetto grazie alla ricerca e agli avanzatissimi strumenti di lavoro presenti in azienda. Una pubblicità adeguata ai tempi: basti pensare all’utilizzo della pubblicità dinamica sui pullman di città-metropoli come Milano, dove ne sono stati impiegati 100 per un mese: “… e pensare che la TIM ne utilizza 60”, afferma orgoglioso l’A.D. Giuseppe Ferro. Una serie di iniziative culturali come show cooking (sempre con lo spaghetto quadrato a farla da padrone…) nei principali eventi dedicati all’alimentazione. Concorsi per le scuole e per adulti che, tramite il web, hanno proposto ricette originali selezionate da quattro chef e raccolte in un e-book. Il food and fashion, la Sartoria della Pasta come la chiama la dottoressa Rossella Ferro. Un accostamento per nulla scontato e del tutto innovativo. Per arrivare poi al top delle manifestazioni di settore: il Cibus di Parma, fiera agro alimentare che vedrà La Molisana presente con uno stand dal raffinato design di 110 metri quadrati con partnership come la Sony, Vino delle Cantine D’Uva, acqua Molisia, tutti brand in qualche modo interconnessi al marchio campobassano.

La Resp. Marketing Rossella Ferro

La Resp. Marketing Rossella Ferro

In ultimo, ma non per importanza, la creazione della cosiddetta cofana, una parrucca fatta interamente da spaghetti quadrati, utilizzata nelle pubblicità sulle reti nazionali che potrà essere indossata presso lo stand del Cibus 2014 per un simpatico selfie da condividere online con tutti gli aficionados de La Molisana e che vedrà il vincitore di uno speciale concorso fotografico portare a casa una fornitura di due quintali di pasta.

Programmi per il futuro? Una confezione vintage tutta di carta con impresso il marchio anni ’30 contenente tutti i formati artigianali e l’ammodernamento e ristrutturazione di tutto lo stabilimento, con standard più consoni ai tempi moderni.