Home » I fatti » Riscossione tributi, c’è la firma tra Regione e Raggruppamento temporaneo d’imprese

Riscossione tributi, c’è la firma tra Regione e Raggruppamento temporaneo d’imprese

tributi regione1Entrate tributarie ed extratributarie, questa sera a Palazzo Vitale la firma tra la Regione Molise e il Raggruppamento temporaneo di imprese (Ica srl e Creset spa) affidatario della gara per il servizio di supporto alla gestione e alla riscossione. La firma subito dopo la conferenza stampa del presidente Paolo di Laura Frattura.
Ad illustrare contenuti, step e potenzialità della convenzione, con il presidente della Regione, il dottor Giorgio Miroli, direttore generale della società Imposte comunali affini, mandataria/capogruppo del Rti.
“Partiamo – ha esordito Frattura –, con la commessa relativa alla riscossione del bollo auto, primo tributo di specifica competenza regionale: stasera firmiamo il contratto di 48 mesi, rinnovabili per altri 48. Lo facciamo subito con l’idea di registrare quanto prima la partecipazione anche di comuni ed enti locali interessati. Questo, per dare compimento all’impegno per noi prioritario del mantenimento dei livelli occupazionali, così come sancito nella clausola sociale che fortemente abbiamo voluto inserire nel bando di gara”.
Con un’offerta modulata sulla base delle progressive adesioni, il Raggruppamento aggiudicatario si è impegnato, una volta rispettati i parametri proposti nell’offerta stessa, ad assumere 72 lavoratori, a cominciare dai dipendenti di ex Esattorie spa.
Per la prima fase, riferita esclusivamente alla riscossione del bollo auto, al fine di assicurare la funzione, dunque il servizio ai cittadini molisani, l’Rti entro 30 giorni dalla firma coinvolgerà i primi 14 lavoratori: 2 addetti allo sportello rispettivamente di Campobasso, Isernia e Termoli e uno per lo sportello, sempre rispettivamente, di Venafro, Bojano, Campomarino, Larino, Riccia, Guglionesi, Montenero di Bisaccia e Agnone.
“Noi iniziamo stasera. Importante in questo senso l’adesione quanto più ampia di comuni ed enti – l’appello del presidente Frattura –. La Regione è pronta già da adesso a facilitare un percorso di incontro per la costruzione di nuovi rapporti e nuove convenzioni, per centrare, con l’obiettivo della clausola sociale, ossia il riassorbimento di tutto il personale ex Esattorie, anche il contenimento degli aggi a vantaggio della collettività”.
Nell’ottica, dunque, del più largo coinvolgimento possibile, il dg di Ica ha annunciato un ciclo di incontri con le amministrazioni comunali sempre con l’obiettivo di soddisfare quanto prima tutto il fabbisogno occupazionale necessario. Al termine della conferenza stampa il presidente Frattura e il dottor Miroli hanno incontrato una delegazione di lavoratori di ex Esattorie spa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: